GEORGE PAPANICOLAU L'IDEATORE DEL PAP TEST PAP TEST

VISITA HPV-DNA E VACCINI HPV

 

 

In questa pagina si espongono le modalità di esecuzione del pap test ed il significato del suo risultato

La citologia cervicovaginale, più comunemente conosciuta come striscio vaginale  o Pap test fu ideata nel 1945 da George Papanicolau. L'esame ha varie finalità:

  Svelare lesioni citologiche precursori di neoplasie cervicali, in modo da attuare prevenzione e diagnosi precoce;

Evidenziare le infezioni cervicovaginali (virali, batteriche, micotiche, protozoarie);

Valutare il clima ormonale.

Il Pap test viene eseguito durante la visita ginecologica quando, in maniera del tutto indolore, vengono prelevate dalla cervice uterina con apposite spatole o spazzolini, delle cellule frammiste a muco che, strisciate su di un vetrino ed appositamente colorate, vengono poi osservate al microscopio. Questa è la modalità convenzionale e classica dell'esecuzione del pap test; esiste, infatti,  un'altra modalità di prelievo o campionamento:  pap test in fase liquida. In questo caso il prelievo cellulare avviene in maniera analoga e successivamente tali cellule vengono raccolte in un apposito contenitore con una soluzione di trasporto. Dopo centrifugazione della soluzione si effettuerà la lettura su vetrino delle cellule prelevate. Il pap test in fase liquida presenta una cellularità più chiara senza fattori inquinanti ed oscuranti come muco ed artefatti ed è pertanto più preciso. Le classificazioni  terminologiche per classificare le alterazioni del pap test sono state diverse. Oggi la prima classificazione, ideata da Papanicolau, è in disuso ed è stata sostituita dalla CLASSIFICAZIONE BETHESDA nata nel 1999 e  rivista nel 2001.

    INGRANDIMENTO DELLA FASE DEL PRELIEVO           

LE CELLULE PRELEVATE VENGONO STRISCIATE SU UN VETRINO E FISSATE

SCHEMA SEMPLIFICATO DELLE FASI SALIENTI DEL PAP TEST


 

PRELIEVO CITOLOGICO PER PAP TEST CON SPAZZOLINO ENDOCERVICALE O CITOBRUSCH

BETHESDA SYSTEM 2001

TIPO DI CAMPIONE: Specificare se pap test convenzionale, in fase liquida o altro

ADEGUATEZZA DEL CAMPIONE

punto elenco

Soddisfacente per la valutazione (segnalare la presenza\assenza di cellule cilindriche endocervicali e di componenti della zona di trasformazione e di altri indicatori di qualità come sangue parzialmente oscurante, infiammazione)

punto elenco

Insoddisfacente per la valutazione (specificare la ragione)

punto elenco

Rifiutato/non processato (specificare la ragione)

punto elenco

Processato ed esaminato ma non soddisfacente per valutare anormalità di cellule epiteliali (specificare la ragione)

CATEGORIZZAZIONE GENERALE (opzionale)

punto elenco

Negativo per lesioni intraepiteliali o malignità

punto elenco

Anormalità delle cellule epiteliali squamose o ghiandolari (v. interpretazione risultato)    

punto elenco

Altro (v. interpretazione risultato)

INTERPRETAZIONE DEL RISULTATO

punto elenco

Negativo per lesioni intraepiteliali o di malignità

punto elenco

Organismi:

Trichomonas vaginalis, Microorganismi fungini compatibili con il genere Candida, Flora batterica suggestiva per vaginosi batterica, Batteri morfologicamente compatibili con Actynomices, Modificazioni cellulari suggestive per Herpes simplex virus
punto elenco

Altri reperti non neoplastici (opzionale):

Cellule reattive associate ad infiammazione (inclusa la riparazione tipica), Terapia radiante, IUD, Cellule ghiandolari in paziente isterectomizzata, atrofia
punto elenco Altro

Cellule endometriali in donne di 40 anni o > (specificare se negativo per lesioni squamose)

punto elenco Anormalità delle cellule epiteliali

CELLULE SQUAMOSE

Cellule squamose atipiche (ASC)

Cellule squamose atipiche di significato indeterminato (ASC-US)

Cellule squamose atipiche che non possono escludere HSIL (ASC-H)

Lesione intraepiteliale di basso grado (LSIL) comprendente HPV/displasia  lieve, CIN1

Lesione intraepiteliale di alto grado (HSIL) comprendente displasia moderata e grave,carcinoma in situ, CIS, CIN2, CIN3

Con quadri sospetti per invasione

Carcinoma squamoso

CELLULE GHIANDOLARI

Cellule ghiandolari atipiche (AGC) - specificando se endometriali,   endocervicali, ghiandolari o non altrimenti specificate     ( NOS: not otherwise specified)

Cellule ghiandolari atipiche suggestive di neoplasia (AGC vs. neoplasia o favor neoplastic) - specificando se endocervicali, ghiandolari

Adenocarcinoma endocervicale in situ (AIS)

Adenocarcinoma :endocervicale, endometriale, extrauterino o non altrimenti specificato (NOS)

punto elenco

Altre neoplasie maligne (specificare)

NOTE EDUCAZIONALI E SUGGERIMENTI (opzionale)

La percentuale di pap test anormali è di circa il 7% (Percentuale calcolata fra il 1996/97 negli USA  (Jones BA. et al 2000).

Le alterazioni delle cellule squamose possono essere definite utilizzando altre terminologie equivalenti che qui vengono riportate e comparate :

Tabella comparativa sulle terminologie utilizzate nelle alterazione delle cellule squamose

SISTEMA DI CLASSIFICAZIONE CLASSIFICAZIONE CITOLOGICA

Bethesda System

Normale

Infezione o reattivo\riparativo

ASCUS

Lesione squamosa intraepiteliale (SIL)

Carcinoma invasivo

LSIL

HSIL

Richart CIN Grading

 

HPV

Neoplasia cervicale intraepiteliale (CIN)

CIN I CIN II CIN III

Regan (WHO)

Atipia

Displasia lieve Displasia moderata Displasia severa\ca in situ

Papanicolau

Classe I Classe II

Classe III

Classe IV

ClasseV
         
Da: "Accuracy of the Papanicolau test in screening for and follow-up of cervical cytologic abnormalities: a systematic review " Kavita et al. Mod.

Il termine displasia fu introdotto da Reagan negli anni 50 (Reagan JW,Seidemand IL,Saracusa Y:The cellular morphology of carcinoma in situ and dysplasia or atypical hyperplasia of the uterine cervix.Cancer 1953;6:224-235), mentre Il concetto di CIN fu usato da Richart agli inizi degli anni 70 per enfatizzare l'unicità del processo che include displasia e carcinoma in situ (Richart RM: Cervical intraepithelial neoplasia. Pathol Annu 1973;8:301-308). Meisels alla fine degli anni 70 introdusse,nell'ambito della CIN l'infezione da HPV o atipia coilocitica con il termine CIN1-HPV (Meisels A.,Fortin R, Roy M:Condylomatous lesions of the cervix. Cytologic,colposcopic and histopathologic study. Acta Cytol 1977;21:379-390).

PAP TEST ANORMALE

ASC-US
ASC-H
SIL: LSIL - H-SIL
CARCINOMA SQUAMOSO
AGC : AGC(NOS),  AGC vs neoplasia, AIS
ADENOCARCINOMA

Il pap test va eseguito periodicamente nel corso dei controlli ginecologici con cadenza generalmente annuale (tre anni negli screening organizzati). Per definizione il termine pap test anormale va riferito alla presenza di importanti anomalie delle cellule epiteliali squamose o ghiandolari.  Il passo successivo, in presenza di un pap test anomalo, è quello di eseguire approfondimenti diagnostici come la colposcopia, la biopsia mirata e ove indicato la tipizzazione virale. La biopsia mirata consiste nel prelievo di un piccolo frammento di tessuto sotto la guida visiva colposcopica nell'area più significativa. La tipizzazione virale svela o meno la genesi virale della lesione ed il tipo di HPV coinvolto (alto o basso rischio). Dall'esito di questi esami si deciderà il tipo di terapia o ulteriori approfondimenti diagnostici. Le terapia usualmente adottate in caso di pap test anomalo possono essere mediche e\o chirurgiche. Le terapie mediche sono indicate nelle flogosi da microrganismi o altre cause, o in caso di intensa atrofia (che può simulare alterazioni displastiche); le terapie chirurgiche si utilizzano per distruggere (metodiche distruttive) od asportare (metodiche escissionali) le lesioni virali e displastiche preneoplastiche e neoplastiche. Per effettuare le terapie distruttive si usano diverse apparecchiature come il diatermocoagulatore, la radiofrequenza, il laser CO2, il criocoagulatore. L'intervento escissionale consiste nella conizzazione o in interventi maggiori come l'isterectomia. La conizzazione consiste nell'asportazione di una porzione del collo uterino, mentre l'isterectomia prevede l'asportazione dell'utero. La conizzazione può essere effettuata con il bisturi a lama fredda tradizionale, notevolmente rivalutato negli ultimi anni specie per le lesioni di origine ghiandolare, o con altre apparecchiature, già menzionate, come laser CO2 e radiofrequenza. L'intervento con la radiofrequenza viene anche denominato LEEP (loop electrical excision procedure) o LLETZ (large loop excision transformation zone). Le stesse strumentazioni e loro applicazioni vengono utilizzate anche in molte patologie vulvari. 

SCHEMA SEMPLIFICATO DI UN INTERVENTO LEEP

FATTORI DI RISCHIO PER IL CERVICOCARCINOMA

punto elenco Precoce coitarca o rapporti sessuali entro un anno dal menarca
punto elenco Partners multipli
punto elenco Partner ad alto rischio
punto elenco Nessun esame di screening
punto elenco Basso livello socioeconomico
punto elenco Scarsa igiene personale
punto elenco Fumo di sigaretta
punto elenco Infezioni genitali
punto elenco Infezione da HPV ( in rapporto al tipo)
punto elenco Pap test con displasia moderata entro gli ultimi 5 anni
punto elenco Immunodepressione, HIV
punto elenco Contraccezione orale da giovane età
punto elenco Razza nera (comparata con la razza bianca)
punto elenco Fattori genetici

Lo studio della storia naturale del cervicocarcinoma ha palesato i fattori di rischio che concorrono a determinare questa patologia. Nella tabella accanto sono elencati  quelli più conosciuti. Fra questi alcuni tipi di Papillomavirus (HPV) sono ad oggi considerati come i fattori  percentualmente maggiormente rappresentati, essendo nota la loro azione oncogena.

Nella pratica clinica, di fronte ad un pap test o ad una istologia anomala bisogna attuare idonee misure seguendo linee guida che fondano il loro razionale sulla storia naturale ed epidemiologia di tali lesioni. Per questo verranno riportati alcuni sintetici riferimenti fra quelli di maggiore rilevanza. I risultati dei lavori statistici, sotto riportati, risentono fortemente di variabili come l'età, e la presenza o meno di fattori di rischio ed il tipo di studio, pertanto questi dati,anche se meticolosamente riportati, salvo errori di trascrizione, devono servire per comprendere a grandi linee il significato delle singole lesioni. Nella tabelle seguenti sono riportate le percentuali di progressione e regressione delle lesioni citologiche squamose osservate senza eseguire alcun trattamento, da dove si evince che la regressione verso la normalità è più frequente per le alterazioni citologiche minori, mentre decresce per le lesioni maggiori. In fondo alla pagina sono poi riportati i links di siti specialistici dove sono dettagliatamente riportate le linee guida.

 

PROGRESSIONE E REGRESSIONE NATURALE DELLE LESIONI SQUAMOSE

CITOLOGIA INIZIALE RITORNO ALLA NORMALITA' PROGRESSIONE VERSO LESIONE DI PIU' ALTO GRADO PROGRESSIONE VERSO IL CANCRO INVASIVO
    A 6 mesi A 24 mesi A 6 mesi A 24 mesi
ASCUS 68,2% 1,9% 7,2% 0,06% 0,25%
LSIL 47,4% 6,6% 20,8% 0,04% 0,15%
HSIL 35,0% 6,8% 23,4% 0,15% 1,44%

Melnikow J., Nuovo J., Willan AR et al: Natural history of cervical squamous intraepithelial lesions: a meta-analysis. Obstet.Gynecol. 1998;92:727-735. Mod.

A seguire, una tabella riassuntiva, di una review, con la frequenza delle citologie anormali, i risultati dopo biopsia e la percentuale della presenza di HPV-DNA. La ricerca dell'HPV-DNA consiste nel rivelare la presenza del DNA dell' Human PapillomaVirus nelle cellule dell'epitelio cervicovaginale. tale ricerca può essere effettuata sia sulla citologia (Pap test), sia sulla istologia (tessuto da biopsia). Questo esame ci permette di svelare la presenza del virus e di tipizzarlo in modo da sapere, se presente, se siamo di fronte ad un HPV a basso o ad alto rischio oncogeno. Questa metodica nel futuro entrerà certamente negli screening di prevenzione. Allo stato attuale viene utilizzata a scopo prognostico: a) per selezionare le citologie con ASCUS, che meritano un follow-up più attento, in ragione o meno della presenza di HPV ad alto rischio; b) per seguire le LSIL persistenti; c) come follow-up dopo terapie escissionali , specie per alterazioni di alto grado. 

DATI RIGUARDANTI ANOMALIE CITOLOGICHE NEGLI USA

CATEGORIA % Range Risultato dopo biopsia  HPV-DNA Alto rischio
ASC TOTALI 4,4% 3-10% 5-17% CIN2-CIN3 / 0,1-0,2% CA INV. 31-60%
ASC-H   5-10% di tutti gli ASC 24-94% CIN2-CIN3 70%
L-SIL 1,6% 0,7-4,3% 15-30% CIN2-CIN3 / 0,1% CA INV. 82-85%
H-SIL 0,45% 15% di tutte le L-SIL 70-75% CIN2-CIN3 / 1-2% CA INV. 90%
AGC TOTALI 0,3% 0,3-0,5% 9-54% CIN / 0-8% AIS / 1-9% CA INV.  
AGC NOS 0,2-0,8%   9-41% CIN2,CIN3,AIS,CA INV.  
AGC Favour Neoplasia   27-96% CIN2,CIN3,AIS,CA INV.  
AIS   0-8% di tutte le AGC 48-69% AIS / 38% Adenoca INV. 100%

Dati in parte tratti da: 2001 Consensus Guidelines for the Management of Women with Cervical Cytological Abnormalities Jama April 24,2002-vol.287,No16 Mod.             

 Prendiamo ora più dettagliatamente in considerazione alcuni dati per le singole categorie anomale. La terminologia che deriva dalle classificazioni americane è tradotta anche in italiano. La fonte di consultazione di gran parte dei dati riportati è l'ASCCP (American Society for Colposcopy and Cervical Patholoy). 

ASC: ASC-US, ASC-H

La percentuale dell'ASC (Atypical Squamous Cells o cellule squamose atipiche) nel 1997 in USA è stata del 4,4,%. Generalmente la sua presenza non dovrebbe essere superiore al 5%. Tale dato è considerato uno degli indici di qualità negli screening di massa. Nell'ambito dell'ASC distinguiamo l'ASC-US (Atypical Squamous Cells -Undetermined Significance o cellule squamose atipiche di significato non determinato) e l'ASC-H (Atypical Squamous Cells cannot exclude Hight grade SIL o cellule squamose atipiche a favore di neoplasia, o che non possono escludere SIL di alto grado); queste ultime rappresentano il 5-10% di tutte le ASC. Per definire la categoria ASC-US Richart usa la dizione " I don't know " riferendosi a quelle alterazioni cellulari squamose che rappresentano qualcosa in più della semplice reattività flogistica, ma che non si possono inquadrare come atipie maligne. Il rapporto ASC/SIL è di 2:1 - 3:1. L'ASC ha una scarsa riproducibilità e da ricontrolli citologici la sua riconferma si è avuta solo nel 55% dei casi, mentre nel 31% e nel 14% dei rimanenti casi sono stati rispettivamente considerati normali o classificati come SIL. La percentuale di HPV ad alto rischio nelle ASC si colloca fra il 31 e 60% ed aumenta sino al 70% nell' ASC-H. Tale percentuale risente fortemente dell'età diminuendo considerevolmente con la sua progressione. La ricerca dell'HPV-DNA trova applicazione nell'ASC per identificare la paziente a rischio negli screening di massa. In caso di ASC le opzioni diagnostiche sono: la ripetizione del pap dopo eventuale terapia, la colposcopia, la ricerca dell'HPV-DNA. Nell'ASC con lesione colposcopica è consigliabile la biopsia mirata. In caso di ASC ripetuto e con giunzione non visibile, bisogna prendere in considerazione una biopsia conica, oggi meno "invasive" con le nuove apparecchiature a radiofrequenza.



SIL: L-SIL, H-SIL

SIL significa Squamous Intraepithelial Lesion o lesione squamosa intraepiteliale. La L-SIL (Low-Grade  Squamous Intraepithelial Lesion o lesione squamosa intraepiteliale di basso grado) è presente con una media dell'1,6% con un range tra 0,7 - 4,3% e con una rappresentatività di circa il 7,7% nella popolazione ad alto rischio. Si è constatato che circa l'83% di L-SIL è positiva per la presenza di HPV ad alto rischio per tale motivo la ricerca dell'HPV-DNA come screening nella LSIL è sconsigliata. Nelle donne con meno di 35 anni la presenza di HPV può giungere sino al 93%. Approssimativamente 3/4 delle pazienti con diagnosi citologica di L-SIL, dopo accertamento bioptico,hanno confermato la diagnosi di CIN / displasia e di questa percentuale 1/5 era CIN2- CIN3 e solo due casi su 1000 si sono rivelati come carcinoma; per 1/4 del totale la L-SIL non è stata confermata (Jones and Davey 2000). La L-SIL ha una regressione spontanea senza trattamento di circa il 50% con un range tra il 60 e 78%. Su questa considerazione si basa il razionale dell'attesa e della tendenza,ormai assodata alla terapia conservativa in caso di lesioni di basso grado. In uno studio, condotto in una popolazione di giovani donne comprese fra 13 e 22 anni, si è constatato che il 70% dei casi L-SIL con HPV-DNA ad alto rischio si negativizza dopo tre anni, mentre l'HPV a basso rischio si negativizza in oltre il 90% entro due anni. In un altro studio si è notata la persistenza dell'HPV-DNA nel 6% dei casi, ed in un'altro ancora, condotto fra adolescenti, si è constatata la progressione verso l'H-SIL nel 3% nell'arco di tre anni delle L-SIL HPV positive (Moscick et al 2002). In un lavoro di Bauer et al. del 1993 si è constatata la positività di HPV-DNA: nel 32,1% in donne comprese fra 16 e 24; nel 19,7% fra 40 e 44 anni; e solo nel 4,4% in donne oltre 45 anni; questo conferma quanto già espresso e che la presenza dell'HPV-DNA decresce con l'avanzare degli anni. Da altre esperienze su L-SIL sottoposte a biopsia nel 15-30% hanno dato come risultato CIN2, CIN3 e solo nello 0,1% carcinoma invasivo (Jones BA et al. 2000.Lonki NM et al. 1999). L'H-SIL (High-Grade Squamous  Intraepithelial Lesion o lesione squamosa intraepiteliale di alto grado) costituisce meno dell'1% dei pap test (la sua percentuale nel 1996 negli USA è stata dello 0,45%), ed è rappresentata con un range di grande variabilità nell'ambito delle lesioni squamose: fra il 9 e 70%. La probabilità di avere la conferma istologica della presenza di CIN2, CIN3 si aggira fra il 70-75%, mentre il carcinoma invasivo è presente fra l'1-2% dei casi. La colposcopia con biopsie sono le tappe necessarie e successive in casi di SIL. I trattamenti tendono generalmente ad essere conservativi. Nelle SIL di basso grado, se dopo un periodo di osservazione non vi è una spontanea regressione, si può utilizzare la terapia distruttiva. Un requisito indispensabile per effettuare la terapia distruttiva consiste nella totale visualizzazione della lesione e della giunzione squamocolonnare. Nelle SIL di alto grado si preferisce la tecnica escissionale, eccetto in casi particolari come in pazienti giovanissime dove è giustificabile una terapia di attesa con stretti follow-up.

AGC

Le AGC (Atypical Glandular Cells o cellule ghiandolari atipiche), circa lo 0,34% nel 1996 negli USA, possono essere suddivise in AGC (NOS) o cellule ghiandolari atipiche non altrimenti specificate (Not Otherwise Specified), in AGC a favore di neoplasia (favour neoplasia) ed in AIS (adenocarcinoma in situ). In oltre il 50% dei casi le AGC sono associate a lesioni squamose; anche il 50% degli AIS biopticamente confermato, è associato a lesioni squamose con un range < 46 - 72% >. In caso di AGC la percentuale di lesioni di alto grado è alta anche se si ha una grande variabilità. Bisogna sottolineare che il pap test risulta essere specifico nelle alterazioni delle lesioni squamose ma non nelle alterazioni ghiandolari ed endometriali; il pap test infatti non è un test di screening per le patologie endometriali. Le ACG possono avere origine cervicale, endometriale, tubarica, ma, anche se molto raramente, possono essere espressioni di patologie extrauterine (ovariche, intestinali, peritoneali, ecc.). Le donne con diagnosi citologica di AGC presentano percentuali per CIN2,CIN3 ed AIS in rapporto all'età, essendo più a rischio la donna in premenopausa 22-30,4% rispetto a quella in menopausa 5,5-7,4% (Zwezig S. et al 1997.Kinney Wk et al 1998). I risultati della ricerca dell'HPV-DNA, nelle AGC, non sono ben consolidati ed è incerta l'utilità dell'esecuzione dell'HPV-DNA, mentre può essere di giovamento in casi selezionati. E' comprovato che circa il 100% degli AIS presenta HPV-DNA con maggiore rappresentatività del tipo 18 (Ronnett BM et al 1999). Per quanto riguarda la storia naturale dell'AIS (non vi sono molti studi in questo senso) l'età media di diagnosi di AIS è di 38.8 anni, mentre l'età media dell'adenocarcinoma invasivo è di 51,4 anni ( 13 anni più tardi). In caso di AGC la ripetizione della citologia non trova razionale nelle esperienze acquisite, mentre d'obbligo è la colposcopia, e l'approfondimento delle indagini nel canale cervicale ed in rapporto all'età (>35-40 anni) e sintomatologia (sanguinamenti anomali, indipendentemente dall'età) anche lo studio endometriale, meglio se con biopsia mirata isteroscopica. L'indagine colposcopica nelle donne in perimenopausa  e menopausa risulta spesso insoddisfacente per la mancata visualizzazione della giunzione squamocolonnare, inoltre le alterazioni colposcopiche dell'epitelio ghiandolare, di difficile identificazione, sono da riservare ai centri colposcopici di secondo livello. Si affianca bene alla colposcopia un'altra indagine diagnostica di grande utilità sia nelle AGC, sia in tutti i casi di mancata visualizzazione della giunzione: la endocervicoscopia. Essa consiste nell' osservazione del canale cervicale, dopo applicazione di ac. acetico, tramite un comune isteroscopio. In caso di conizzazione diagnostica per lesioni dell'epitelio ghiandolare, d'obbligo è la conizzazione a lama fredda per evitare alterazioni termiche nel tessuto da esaminare. Il cono deve coinvolgere per non meno di 2,5 cm il canale cervicale nella sua lunghezza.

CIN

Il termine CIN (Cervical Intraepithelial Neoplasia), è in pratica il sinonimo di SIL. Coniato da Richart, dovrebbe essere riservato alla istologia ed non alla citologia cui spesso si correla; infatti dall'esame citologico non è possibile graduare in maniera precisa il coinvolgimento in profondità dell'epitelio riguardo le atipie citologiche. Le anomalie citologiche nella CIN1 interessano il terzo inferiore dell'epitelio pavimentoso cervicale; nella CIN2 ne interessano i due terzi, mentre nella CIN3 sono coinvolti tutti gli strati epiteliali ma non la membrana basale. Gli stadi successivi alla CIN3 sono il carcinoma microinvasivo e quello invasivo. Nella tabella sottostante è riportata la storia naturale della CIN. Sudi prospettici hanno confermato che pazienti con CIN1, che vengono osservate nel tempo, hanno la stessa probabilità di sviluppare un CIN2,CIN3 delle pazienti con ASCUS: 9-16% (NasiellK et al 1986. Weaver MG et al 1990). La CIN1 come per l'ASCUS e L-SIL (questa ultima considerata sinonimo di CIN1) presenta un alto tasso di regressione spontanea, per cui è lecito in molti casi una condotta conservativa e di attesa, a meno di un coinvolgimento di due quadranti cervicali e/o persistenza per due anni. Bisogna però sottolineare che in alcuni studi, circa il 15% di CIN1 dopo due anni progredisce verso CIN2,CIN3, pertanto l'osservazione va riservata a pazienti che accettano un periodico follow-up per l' inevitabile il rischio di abbandono dei controlli. Va ricordato che il periodo medio di progressione da CIN3 a carcinoma invasivo è di circa 15 anni e l'età media di questa ultima patologia è di 40-45 anni. Gli accertamenti diagnostici comprendono la colposcopia, la biopsia mirata e lo studio del canale cervicale ( citologia o istologia endocervicale). In caso di CIN1 con colposcopia insoddisfacente (giunzione non visibile) l'accertamento diagnostico successivo è la biopsia conica,questa può essere evitata e sostituita con follow-up citologico nelle pazienti gravide, adolescenti e nelle immunosoppresse. La terapia della CIN, come nella SIL, è conservativa riservando le tecniche distruttive alle CIN1 e preferendo le ablative (biopsia conica) nelle CIN2 e CIN3. Un piccolo accenno sulle VIN e riportato nelle pagine seguenti.

PROGRESSIONE E REGRESSIONE NATURALE DELLE LESIONI SQUAMOSE DA ISTOLOGIA

CATEGORIA REGRESSIONE PERSISTENZA PROGRESSIONE A CIN3 PROGRESSIONE A CA INVASIVO
CIN 1 57% 32% 11% 1%
CIN 2 43% 35% 22% 5%
CIN 3 32% < 56% - >12%

Oster AG: Natural History of Cervical Intraepithelial Neoplasia: A Critical Review. Int.J. Gynecol. Pathol. 1993;12:186-192. Mod. Si prendono in considerazione 64 studi con 15.473 casi di CIN con un follow-up <1-12 anni>

E' interessante osservare quali sono i risultati istologici eseguiti sulla scorta delle citologie anormali, che qui sotto sono riportati:

CITOLOGIA INIZIALE RISULTATO DELLA BIOPSIA
ASC TOTALI < 0,1 - 0,2% > CARCINOMA INVASIVO 
ASCUS < 5 - 17% > CIN2 - CIN3
ASC-H < 24 - 94% > CIN2 - CIN3
LSIL < 15 - 30% > CIN 2 CIN3
HSIL < 70 - 75% > CIN2 CIN3 ; <1 - 2% > CARCINOMA INVASIVO
AGC < 9 - 54% > CIN
< 0 - 8% > AIS
< 1 - 9% > CARCINOMA INVASIVO SQUAMOSO O  ADENOCARCINOMA
AGC (NOS) < 9 - 41% >  CIN2 CIN3 AIS CARCINOMA INVASIVO
AGC (FAVOUR NEOPLASIA) < 27 - 96% > CIN2 CIN3 AIS CARCINOMA INVASIVO
AIS < 48 - 69% > AIS
  38% ADENOCARCINOMA CERVICALE INVASIVO

tratto da:"2001 consensus guidelines for the management of women with cervical cytological abnormalities" di Thomas C. Wright et al. Mod.

Dalla osservazione ed elaborazione dati riportati,tratti principalmente dai lavori che hanno ispirato le linee guida americane nasce il razionale che consiglia la migliore condotta da tenere in caso di pap anomalo. La condotta da seguire sarà influenzata dalla presenza o meno dei fattori di rischio per il cervicocarcinoma. Dettagliate linee guida sono previste per ogni singolo caso che va comunque attentamente valutato nella sua singolarità in relazione al fatto che le linee guida presentano flessibilità e variazioni applicabili dal clinico. Per la lettura di alcune linee guida fra le più autorevoli si rimanda ai seguenti siti, dove esse sono esposte al meglio:
 

SITI WEB

SOCIETA' AMERICANA DI COLPOSCOPIA E PATOLOGIA CERVICALE

Guidelines on Management of Women with Cytological Abnormalities

Guidelines on Management of Women with Histological Abnormalities

bethesda2001.cancer.gov

Linee guida della società italiana di colposcopia e patologia genitale

SOCIETA' ITALIANA ANATOMIA PATOLOGICA E CITOLOGIA

american accademy  of family physicians

 

 

Ultimo aggiornamento:  20-10-06

©Copyright 2004 - www.colposcopia.it - All rights reserved